Museo del Oro a Bogotá; cosa vedere, come arrivare, orari

Shares

Con oltre 500,000 visitatori ogni anno, il Museo del Oro di Bogotá è senza dubbio una delle attrazioni da non perdere se decidi di visitare la capitale della Colombia; è uno dei più famosi nella sua categoria e al suo interno si possono ammirare oltre 30000 manufatti in oro risalenti all’epoca pre-colombiana.

La maggior parte delle opere esposte all’interno del museo sono in oro, rendendo la collezione presente all’interno di questo museo di Bogotá la più grande al mondo nel suo genere. Oltre ai reperti d’oro, si possono ammirare tantissimi altri oggetti in legno, pietra e tessili (circa 20000 secondo le ultime stime).

Museo del Oro Bogota

Foto presa da Flickr – Credito: Divulgación, Subgerencia Cultural del Banco de la República

Come raggiungere il Museo del Oro Bogotá?

Il Museo dell’oro del Banco della Repubblica di Colombia (nome completo) si trova nel centro storico di Bogotá, quartiere conosciuto anche come “La Candelaria”, nei pressi del Parque Santander. Si può raggiungere facilmente in TransMilenio, il sistema di trasporto pubblico della capitale (non esiste metropolitana); ti lascio qui di seguito la mappa per trovare facilmente il museo e verificare il tuo itinerario di viaggio partendo dal tuo alloggio:

Indirizzo del museo: Cra. 6 #15-88, Bogotá, Cundinamarca

E una foto della fermata del TransMilenio, chiamata appunto Museo del Oro, situata a 350 metri o 4 minuti a piedi dall’entrata:

stazione TransMilenio museo oro

Fermata TransMilenio Museo del Oro Bogotá – Foto presa da Wikipedia

Alcuni consigli per arrivare al museo: il TransMilenio è il metodo più semplice ed economico per muoverti in città, una corsa infatti costa 2400 COP (circa 0,64€), ma la zona in cui si trova il Museo dell’Oro non è molto sicura, soprattutto nelle ore serali.

Cerca quindi di stare in gruppo o prendere parte ad un tour organizzato, non camminare con macchine fotografiche o oggetti di valore in vista, o prendi un taxi o Uber per farti lasciare direttamente di fronte all’entrata.

Orari e costo del biglietto d’ingresso al museo

Il Museo dell’Oro è aperto nei seguenti orari:

  • Lunedì: Chiuso;
  • Martedì: dalle 9:00 alle 19:00;
  • Mercoledì: dalle 9:00 alle 19:00;
  • Giovedì: dalle 9:00 alle 19:00;
  • Venerdì: dalle 9:00 alle 19:00;
  • Sabato: dalle 9:00 alle 19:00;
  • Domenica: dalle 10:00 alle 17:00.

L’ultima entrata è prevista 30 minuti prima dell’orario di chiusura e il costo del biglietto d’ingresso è di 4000 COP (pesos colombiani, circa 1,07€) sia per adulti che per bambini; la domenica invece vengono aperte le porte gratuitamente a tutti i visitatori, per cui tieni fai attenzione perché potrebbe essere più affollato del solito.

Durante la settimana (dal martedì al sabato) potrai prenotare una visita guidata, sia in inglese che in spagnolo, nei seguenti orari:

  • Visita in spagnolo, da martedì a venerdì: 11:00 am, 3:00 y 4:00 pm;
  • Visita in spagnolo, sabato: 10:00 e 11:00 am, 3:00 e 4:00 pm;
  • Visita in inglese, da martedì a venerdì: 11:00 am e 4:00 pm;
  • Visita in inglese, sabato: 11:00 am e 4:00 pm.

È possibile inoltre noleggiare una audioguida in diverse lingue: spagnolo, inglese, francese e portoghese al costo di 8000 COP. Puoi trovare ulteriori informazioni per programmare la tua visita al Museo del Oro di Bogotá sulla pagina ufficiale.

I biglietti d’ingresso non possono essere acquistati online, ma puoi prenotare in anticipo un tour per il centro storico che include anche la visita e l’ingresso al Museo del Oro, clicca sull’immagine qui di seguito per saperne di più.

Storia del Museo dell’Oro di Bogotá, sale ed esposizioni

Il museo aprì nel 1939 per opera della Banca della Repubblica di Colombia in seguito all’acquisizione del poporo quimbaya, un artefatto conservato perfettamente che veniva utilizzato durante le cerimonie religiose.

Lo scopo principale era quello di salvaguardare il patrimonio archeologico del paese, e al giorno d’oggi sono esposti oltre 50000 manufatti di diverse civiltà tra cui Quimbaya, Calima, Tayrona, Zenú, Muisca, Tolima, Tumaco. Il museo viene saltuariamente restaurato, l’ultimo rinnovo e ampliamento delle sale risale al 2008.

Le collezioni del museo del Oro sono distribuite su tre piani e vengono presentate in maniera logica e lineare con traduzioni anche in lingua inglese. L’obiettivo è quello di istruire e far conoscere ai visitatori la storia della Colombia e delle popolazioni indigene che la abitavano tramite lo studio e la comprensione degli artefatti.

Il museo è organizzato in diverse sale che hanno un nome diverso l’una dall’altra: Il lavoro dei metalli (el trabajo de los metales), la gente e l’oro (la gente y el oro en la Colombia prehispánica), cosmologia e simbolismo, la ofrenda (dove viene riprodotta una cerimonia di offerta attraverso luci e suoni), e la sala esplorazione, una sala interattiva che promuove il patrimonio artistico del Museo dell’Oro di Bogotá.

Al primo piano si possono ammirare alcuni artefatti di metallo, mentre al secondo piano del museo sono esposti gli oggetti suddivisi per regione e utilizzo. Il terzo piano invece si concentra sull’oro usato in cerimonie tradizionali e rituali dalle diverse popolazioni indigene.

Cosa vedere all’interno del museo

Tra gli oggetti presenti all’interno del Museo del Oro di Bogotá, due in particolare sono quelli più importanti e famosi; il poporo quimbaya e la balsa muisca. Il primo risale al 301 A.C. ed era usato nelle cerimonie religiose del periodo quimbaya.

La balsa muisca, chiamata anche balsa dorada, venne scoperta in una caverna del municipio di Pasca, nelle vicinanze di Bogotá, ed è oggi uno degli oggetti più rappresentativi che si possono ammirare all’interno del museo. Questo artefatto si riferisce alla cerimonia di investitura collegata alla leggenda di El Dorado celebrata nella Laguna di Guatavita.

Non perdere il museo del Oro di Bogotá se ti trovi nella capitale colombiana, è un luogo unico nel suo genere ed è inoltre molto economico da visitare, l’entrata infatti costa poco più di 1€; potrai conoscere tanti aneddoti e curiosità sulla storia della Colombia.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *